55f4ccdf-f084-1e18-4488-9a8352cd1422.jpg

----------- MI PRESENTO -----------

2022  Figurino Ana.jpg

VITELARU
Ana Maria

Specialità: Handbike cat. WH5

FOLLOW ME @
  • Facebook Icona sociale
  • Instagram

Classe 1983, nata in Romania, cittadina Italiana, residente a Reggio Emilia dal 2000. Poco prima di trasferirsi in Italia, nel settembre dello stesso anno, appena diciassettenne, un incidente ferroviario gli causa l'amputazione bilaterale trasfemorale e le cambia la vita.

L'incidente però non ferma Ana dal continuare a coltivare la propria passione, inizia a lavorare come sarta già dall'età di 16 anni, impegno che ancora oggi la vede protagonista all'interno di una prestigiosa azienda. E da brava sarta pare essersi cucita il vestito addosso, quello che più le si addice: l'impossibile non esiste.

Dopo 14 anni dall'incidente torna a praticare il trekking, lo sport dei sui sogni, sulle sue amate montagne, camminando con le protesi. Da non dimenticare la lunga parentesi come cestista di basket in carrozzina per più di 10 anni, con l'onore e la gioia di aver indossato la maglia azzurra della Nazionale Italiana Femminile.

Ana Maria è dotata di una straordinaria mentalità vincente, di quel granitico "crederci" che non esita a trasmettere a chi, nella sua situazione fisica, fa fatica a uscire dal guscio e ad affrontare con tenacia, per poi vincere, le avversità che la vita ci pone dinnanzi.  

Da sempre attratta dal ciclismo, nel novembre 2017 arriva finalmente a salire in sella alla sua tanto amata e desiderata handbike, grazie al Progetto "Obiettivo3" del campione Alex Zanardi che da la possibilità a persone disabili di rimettersi in gioco, fornendo le attrezzature in comodato d'uso, con l'obiettivo di portare 3 atleti alle Paralimpiadi di Tokyo 2020.

Ana Maria entrata nella società del Team Equa e tesserata FCI dal 2018, ha di nuovo l'onore di indossare la tanto ambita maglia azzurra della Nazionale Italiana di Paraciclismo.

Prima gara in assoluto ad aprile del 2018 alla Coppa Europa a Marina di Massa, ove conquista subito 2 medaglie d'oro e la successiva convocazione in Nazionale.

A seguire una Coppa del Mondo in Belgio, dove si aggiudica 2 medaglie di bronzo, sia nella gara su strada che in quella a cronometro, dando così onore all'Italia, finalmente sul podio. In seguito, durante la Coppa del Mondo in Olanda, conquista una medaglia di bronzo e una d'argento per concludere con i Mondiali a Maniago, con 2 nuove medaglie di bronzo.

Nel 2019 alla Coppa Europa a Marina di Massa e a Verolanuova, Ana Maria si aggiudica ben 4 medaglie d'oro, sia su strada che nella prova a cronometro, mentre alla Coppa del Mondo a Corridonia diventa Leader con 2 medaglie d'oro.

Un unico obbiettivo: Tokyo 2020, per la quale Ana si sta allenando duramente e quotidianamente 

con grande sacrificio.